Home

Milan4News

Tutto quello che succede a Milano!

Milan4news è il nuovo sito trendy per rimanere informati su attualità, sport, eventi e novità nella citta più fashion del 2018

30 cose da fare a Milano

La rubrica del cibo Made in Italy

vai alla pagina...

 

FOTOGALLERY

Il Forte di Bard in Valle d'Aosta

CONCERTI

Vasco No Stop Live Tour 2018

TomorrowLand 2018, evento unico mondiale a Milano

Al Parco di Monza sbarca la Woodstock della musica elettronica. Persi lo scorso autunno gli I-Days, la città della regina Teodolinda risponde ospitando all’interno dell’area verde il festival di musica elettronica più grande del mondo: «UNITE with Tomorrowland», in programma, per la prima volta in Italia, il prossimo 28 luglio. L’evento si svolgerà in contemporanea streaming con Emirati Arabi (Abu Dhabi), Libano, Malta, Messico, Spagna, Taiwan e Belgio, Paese quest’ultimo considerato come la patria della manifestazione visto che la scorsa estate oltre 400 mila persone sono accorse nel parco della cittadina di Schorre per assistere all’evento. I dj che si esibiranno dal vivo (nazionali e internazionali) saranno annunciati nelle prossime settimane, così come le trasmissioni che saranno fatte via streaming.

 

Da un punto di vista tecnico, il festival è un evento unico: grazie alla connessione via satellite lo show sarà infatti sincronizzato in tutte le location coinvolte e durante i sette eventi gli spettatori avranno la sensazione di entrare in un’altra dimensione grazie a quanto accadrà sul palco principale di Tomorrowland e al coinvolgimento dei fan accorsi nelle altre location. Lo spettacolo sarà accessibile sono ai maggiorenni.

 

 

 

 

 

 

SPORT

Presentata la Milano City Marathon, edizione '18

La 18sima edizione, presentata a Palazzo Marino, cercherà ancora una volta di sorprendere partecipanti, partner e pubblico con le sue novità. Lo scorso anno la manifestazione sportiva ha visto un sensibile aumento del numero degli iscritti, fino a sfiorare i 25mila partecipanti complessivi, con un aumento del 43% sui finishers della maratona. Il percorso di Milano Marathon, completamente ridisegnato. Vai al nostro speciale.

 

ATTUALITA'

Amazon fa decollare Malpensa, +70% all' anno

Amazon atterra a Malpensa, consacrando la propria posizione dominante in Italia per il commercio on line e dando ulteriore lustro alla Cargo city di Lonate Pozzolo. Sui piazzali a sud-ovest delle piste di Malpensa, già oggi, transita il 55 per cento delle merci che viaggiano via cielo da e per l’Italia, ma la percentuale è destinata ad aumentare con la presenza sempre più radicata dei maggiori player mondiali nella movimentazione delle merci.

POLITICA

Speciale Elezioni 2018 su Milan4News

Le grandi novità del cinema 2018

LUOGHI

Le Officine del Volo a Milano

Scopri il Meteo su Milano

 

 

 

 

 

vai alla pagina...

 

loading...

Prima Pagina

CONCERTI – EMINEN IN ITALIA, IL CONCERTO IL 7 LUGLIO A MILANO

Febbraio 2018

Eminem si esibirà in Italia il 7 luglio all'Area Expo di Milano: la data unica rappresenta il primo live in assoluto per il rapper nel nostro Paese.

Finora era stato ospite, tra le polemiche, del Festival di Sanremo 2001 condotto da Raffaella Carrà e si è poi esibito agli MTV Europe Music Awards nel 2004 a Roma, ma quello di luglio organizzato da Live Nation sarà il suo primo concerto.

I biglietti per il concerto saranno disponibili da mercoledì 31 gennaio alle ore 10.00 per 48 ore, fino alle ore 10.00 di venerdì 2 febbraio, su MyLiveNation registrandosi gratuitamente o accedendo al proprio account su www.livenation.it. I prezzi sono divisi in tre fasce, con un posto unico che parte dai 65 Euro (diritti di prevendita), il pit (il cosiddetto sottopalco) da 80 Euro e il Vip Upgrade che arriva a 192 Euro. In questo ultimo caso, il 'pacchetto' comprende un biglietto per il pit, una sala riservata con toilette, check-in riservato, un free drink e un pass laminato, souvenir dell'evento.

Nel pieno del successo mondiale del suo ultimo album Revival, il 15 volte vincitore ai Grammy premiato agli MTV Europe Music Awards, Eminem ha annuncia in queste ore l’unica data italiana del suo Revival Tour, dopo le esibizioni dello scorso anno come headliner al Reading and Leeds Festival e quella storica, nel 2014, in uno Stadio di Wembley andato sold out in pochi minuti, che per la prima volta ha ospitato un rapper..

Redazione

POLITICA - SIRI: RIVOLUZIONE FISCALE A PORTATA DI TUTTI

Febbraio 2018

Flat tax: parliamone. Domenica 18 (ore 21,00), presso il Centro congressi Museo del tessile di Busto Arsizio, imperdibile incontro con Armando Siri. Perchè tutti ne parlano, di "flat tax":non sempre con cognizione di causa. Come Renzi, che persevera nella diffusione di macroscopiche bugie, pur di delegittimare il miglior programma per il nostro Paese. Del resto, cosa aspettarci da chi ha rovinato l’Italia, facendo passare (per esempio), i famosi 80 euro come cura del male e non fallace palliativo? Quello sì che è stato “voto di scambio”. Generosa elargizione, chiesta poi indietro. E con tutti gli interessi.

Con le elezioni alle porte, il tema della Flat tax (già proposta dalla Lega nel 2014), è tornata in voga. La rivoluzione fiscale è costituzionale, equa e conveniente. Parola del Prof. Armando Siri (ideologo, autore di “FLAT TAX:LA RIVOLUZIONE FISCALE IN ITALIA È POSSIBILE”, responsabile economia e formazione politica della Lega). Nella sua teorizzazione originaria, prevede un’aliquota fissa al 15%: sistema efficiente, che contempla 2 scaglioni di reddito, sui quali applicare una deduzione fissa di 3.000€. Per garantire la progressività dell’imposta col variare del reddito e dei membri del nucleo familiare. Da 0 a 35.000€, previsto un diritto alla deduzione per tutti i componenti della famiglia. Da 35 a 50.000€, solo i carichi familiari. Da 50.000€ di reddito, l’aliquota rimane intatta. La Lega propone la tassazione sul reddito familiare, in conformità al principio secondo il quale sia la famiglia la vera colonna portante della società: da agevolare, quindi, con politiche efficaci e sostenibili. L’obiettivo è semplice, totalmente condivisibile: apportare vantaggi a tutti i ceti, far rientrare in Italia le troppe aziende che hanno delocalizzato (a danno della nostra economia).

In uno Stato che gode di buona salute, la sovranità economica risulta necessaria. Dati alla mano, l’ingente diminuzione del numero di contribuenti rende impellente un’azione volta ad applicare sgravi fiscali. Ipotesi percorribile è quella che prevede la diminuzione al 50% di IMU e TASI per gli immobili. La finalità della rivoluzione fiscale, è quella di lasciar circolare più risorse nel tessuto economico e produttivo del Paese.

A differenza di quanto Gentiloni, amici ed Europa vogliono farci credere, il Jobs Act non ha giovato né all’occupazione giovanile, né all’economia italiana. Basta palliativi, occorrono cure: che eliminino il problema alla radice (facendo ripartire la domanda, l’erogazione di servizi e la produzione di beni). Semplicando: la rivoluzione fiscale lascia, nelle tasche dei contribuenti, maggiori risorse da destinare ai consumi. La flat tax più semplice ed equa, fissa come detto l’aliquota al 15%: “Pagare meno e tutti”, con le deduzioni fiscali che garantiscono la costituzionalità del progetto. “Il nostro obiettivo – dice il Prof. Siri – è quello di mettere nelle tasche degli italiani 48miliardi di euro che possono essere destinati alle spese, facendo così ripartite i consumi di un Paese che è fermo da 8 anni e che ha perso 10 punti di PIL”.

Le obiezioni ideologiche sono dettate da infondati pregiudizi. La flat tax è prima di tutto una rivoluzione Copernicana, di pensiero e “modus operandi”. I tempi devono essere maturi per ogni rivoluzione. E “hic et nunc – qui ed ora”, è il momento giusto. Il 19 gennaio, la coalizione di Centrodestra ha fissato l’aliquota al 23%, sebbene permanga il fermo obiettivo della Lega: ridurla gradualmente, fino a raggiungere il 15%.

La flat tax si basa sulla “Curva di Laffer”, che relaziona l’aliquota d’imposta alle entrate fiscali. Secondo Laffer, esiste un’aliquota oltre la quale un aumento delle imposte disincentiverebbe l’attività economica, riducendo quindi il gettito, in misura crescente. Fino al punto in cui il prelievo fiscale (se raggiungesse il 100% ), causerebbe l’azzeramento del gettito. Quest’ultimo, ridotto, a causa dell’eccessiva pressione fiscale: ciò che provoca cessazione e stallo delle attività economiche. La riduzione (per lavoratori e imprese), della pressione fiscale, innescherebbe un circolo virtuoso, benefico per tutti. L’aliquota unica, inoltre, permette di combattere l’evasione fiscale, rimpinguando le entrate dello Stato.

Pioniere in Italia fu Berlusconi, nel ’94, grazie al contributo del Prof. Antonio Martino (allievo di Milton Friedman), con un’aliquota del 33% + no tax area per i più poveri, al posto dell’IRPEF progressiva.

Spesso la flat tax è collegata ad alcune soglie di “no tax area” (ovvero soglie di reddito al di sotto delle quali non è prevista applicazione di tassazione alcuna). Vige, dunque, un esonero dal pagamento delle tasse. Ciò contribuirebbe alla ripartenza dell’economia e del PIL, stimolando la domanda interna e riattivando i consumi.

La flat tax, inserita nel programma di governo di Centrodestra grazie a Salvini, rappresenta l’unico volano per la produttività del nostro Paese. Obiezioni ai detrattori, anche da parte di Nicola Porro. Il giornalista, infatti, afferma e dimostra tangibilmente quanto una maggior tassazione non accresca la ricchezza dello Stato. Anzi: i Paesi con più alta tassazione, detengono l’ingrato record di un maggior tasso di disoccupazione. Nell'intervento di domenica sera, l'ideatore della Flat tax verrà introdotto dal tributarista e fiscalista Alessandro Della Marra. Moderatori saranno il Consigliere regionale lombardo, Giampiero Reguzzoni e il vice sindaco di Busto Arsizio, Isabella Tovaglieri. Interverrà inoltre Davide Quadri: responsabile provinciale Giovani Padani.

“Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario”: nell’ Orwelliana memoria, diamo seguito col nostro voto alla verità della flat tax ed ai reali benefici della sua rivoluzione fiscale. Le sorti dell’Italia sono (anche), nelle nostre mani, dentro l’urna elettorale.

 

Chiara Soldani

 

POLITICA - PILLOLE DI PROGRAMMA: ATTILIO FONTANA ED IL TURISMO

Gennaio 2018

"Per capire Milano bisogna tuffarsi dentro. Tuffarsi, non guardarla come un'opera d'arte". (Guido Piovene).

Ed è proprio quello che sta facendo Attilio Fontana: si sta "tuffando" in una Milano da migliorare, nella Lombardia più autentica e vera. Lui, che é in mezzo alla gente sempre (e non latitante, come il sinistro rivale), ascolta i lombardi e perfeziona, in itinere, un programma già impeccabile. Quando si dice "Navigli", tornano in mente le poesie della Merini (natia di quei luoghi, profondamente ispirata dalla loro immortale bellezza). Ed il Duomo: costruito col marmo, giunto a Milano dalle loro generose acque. Luogo chiave del nostro territorio, tappa fissa per gite (meneghine e non). Il turismo, è uno dei temi forti per Attilio Fontana ed il suo programma. La riapertura dei Navigli, argomento da sempre caro ai lombardi, è in cima alle sue priorità. Un progetto di assoluta rilevanza, sia per cittadini che per operatori del settore. La valorizzazione dei canali milanesi e lombardi (dalla riqualificazione della Darsena al rilancio del progetto per la creazione dell'Idrovia Locarno-Milano-Venezia), rendono le proposte di Fontana, la miglior partenza per rilanciare il nostro turistico regionale. Nel suo felice tour brianzolo, l'ex Sindaco varesino ha visitato la centrale elettrica Bertini di Cornate d'Adda. Ha prestato attenzione a cittadini e rappresentanti politici locali, confermando quanto detto sopra: rilanciare l'impegno per la valorizzazione di un territorio, attualmente, depotenziato.

«Un impianto idroelettrico che si estende sul medio corso del fiume Adda, a valle del lago di Como. È impressionante scoprire come un impianto del 1898 abbia funzionato con le tecnologie originarie per più di un secolo - ha commentato Fontana -. Se sarò eletto governatore, il progetto di riapertura dei Navigli riceverà attenzioni particolari da parte dalla Regione Lombardia».

Otto chilometri di Navigli, in Milano, per ripristinare il grande sistema idroviario milanese e lombardo. L'obiettivo di Fontana é quello di restituire alla nostra Regione la navigabilità dei suoi canali (dal Lago Maggiore e dal Lago di Como fino all'Adriatico). Le tappe brianzole dello scorso weekend, sono state tutte un gran successo. Da Monza a Desio, fino alla barriera est di Agrate Brianza (per un presidio contro i rincari sui pedaggi autostradali scattati dal primo gennaio). Anche su questo fronte, Fontana rilancia: proponendo scontistiche per i pendolari che, quotidianamente, percorrono queste tratte. Un programma concreto ed eccellente, in ogni suo ambito. Cui dare seguito, col nostro voto: il 4 marzo, "Più Lombardia!" con Fontana Presidente.

 

Chiara Soldani

 

CRONACA - DERAGLIA TRENO FUORI MILANO, 2 MORTI

Gennaio 2018

Un gravissimo incidente ferroviario, che ha causato almeno due morti e numerosissimi feriti, si è verificato alle 7 di giovedì mattina nell’hinterland a nord di Milano. Un treno di Trenord, il regionale 10452 partito da Cremona alle 5.32 e diretto a Milano Porta Garibaldi, è deragliato all’altezza di Seggiano di Pioltello. Il convoglio era composto da sei vagoni, e sono state le vetture centrali ad uscire dai binari, accartocciandosi. Oltre ai due passeggeri deceduti ci sono dieci persone in condizioni molto gravi e un centinaio di feriti più lievi. Alcune persone sono ancora incastrate nel treno e i pompieri sono al lavoro per salvarle. Sono stati allertati tutti i mezzi di soccorso disponibili in regione e anche fuori regione: è arrivato un elicottero del 118 anche da Bologna. Decine i soccorritori intervenuti sul posto: vigili del fuoco, polizia, carabinieri, infermieri e medici del 118 e squadre speciali. A capo della squadra Usar (Urban Search And Rescue) dei vigili del fuoco sul posto c’è Carlo Cardinali, lo stesso funzionario che ha coordinato le squadre di soccorso a Rigopiano.

Redazione

MILAN4FOOD - CANNAVACCIULO, MEGA CORSO PER CHEF A MILANO

Gennaio 2018

Non pago dell’esperienza allo stadio Olimpico di Roma di due anni fa, Cannavacciuolo torna a fare corsi per aspiranti ristoratori di successo. E lo farà in un’altra location da rockstar, il Mediolanum Forum di Assago a fine maggio. Il costo per partecipare? Biglietto Platinum a 597 euro più Iva, comprensivo — si legge sul sito del format dell’iniziativa «Ti aggiusto il ristorante» — di foto con Canavacciuolo e «attestato di partecipazione firmato personalmente» dallo chef. Sempre di più guru, insomma. Non solo in televisione, anche nella realtà dove molti sono disposti a spendere cifre non piccole per ascoltarlo.

Gli argomenti trattati? Il ristoratore, la squadra, il locale, il marketing, la cucina, la gestione del magazzino o il cassetto, cioè come far quadrare i conti. Con Cannavacciuolo — assicura l’organizzazione — presente durante tutte e due le giornate del corso, il 28 maggio, dalle 11 alle 21.30, e il 29 maggio, dalle 8 alle 16. I costi? Da alta formazione universitaria o quasi. Biglietto Silver a 147 euro: ingresso al corso, terzo settore, posto non numerato, manuale e attestato di partecipazione. Biglietto Gold a 247 euro: accesso riservato nel secondo settore, posto non numerato, manuale e attestato di partecipazione. E, infine, biglietto Platinum a 597 euro più iva che comprende: ingresso al corso con accesso riservato e anticipato, nell’area Platinum, 1° settore vicino al palco, posto non numerato; accesso esclusivo al “Platinum Lounge” con snack e drink durante tutto l’evento; pranzo in area riservata, entrambi i giorni di corso (catering Mediolanum Forum); foto con Antonino Cannavacciuolo; manuale, attestato di partecipazione firmato personalmente. Menù ricco, insomma. Ma il costo totale comprensivo di Iva? 728,34 euro. E il 45 per cento dei posti Platinum sono già stati prenotati.

 

 

Redazione

EVENTI - La Caffeina, con Appunti di Vino, il corso studiato da Vinity.

Gennaio 2018

Con Appunti di Vino, il corso studiato ed ideato da Vinity, potrai avvicinarti al mondo del vino e approfondire molte tematiche, dalla viticoltura alla produzione dei diversi vini e spumanti, in lezioni coinvolgenti e divertenti. Un primo passo, fondamentale e completo, per conoscere il vino e i suoi segreti.

4 LEZIONI comprensive di calici, materiale didattico, 4 degustazioni ogni lezione:

€ 130 a persona. SCONTO COPPIA € 240 !

PROGRAMMA:

LEZIONE 1: come nasce il vino. La vite, il vigneto, i vitigni. La trasformazione in vino. Cenni su biologici e biodinamici. Come si degusta il vino. Degustazione guidata di 4 vini.

LEZIONE 2: i vini rossi, come si producono, l'affinamento, la degustazione (cosa ricercare nelle diverse tipologie di vini rossi). Degustazione guidata di 4 vini rossi.

LEZIONE 3: i vini bianchi, differenze di produzione con i vini rossi, il loro affinamento e la loro degustazione (cosa ricercare nelle diverse tipologie di vino bianco). Le etichette, impariamo a leggerle. Degustazione guidata di 4 vini bianchi.

LEZIONE 4: spumanti e passiti. Gli Spumanti e i diversi metodi di produzione, come si degustano gli spumanti. Degustazione guidata di 2 spumanti.

I Passiti e i Vini Dolci, come si producono e come degustarli. Degustazione guidata di 2 vini passiti.

Durante tutto il corso verranno fornite nozioni di base sull'enografia in particolare dell'Italia, con cenni sul resto del mondo.

Il corso si terrà presso La Caffeina Via Cola Montano, 40 Milano.

ISCRIVERSI: ci si può iscrivere con diverse modalità, direttamente alla La Caffeina, oppure inviando una mail a: lacaffeina40@gmail.com

Telefonando a: 338-9059899 o 02-49799130.

Costo iscrizione: presso La Caffeina. verrà richiesto il versamento di una caparra di € 50 cad. non restituibile in caso di assenza alla prima lezione. Il saldo del corso al primo incontro

Redazione

MILAN4WORK - POSIZIONI APERTE IN BANCA D'ITALIA

Gennaio 2018

La Banca d’Italia ha indetto i seguenti concorsi pubblici per l’assunzione di:

- 18 Esperti con orientamento nelle discipline economico-aziendali.

- 10 Esperti con orientamento nelle discipline economico-finanziarie.

- 17 Esperti con orientamento nelle discipline giuridiche.

- 15 Esperti con orientamento nelle discipline giuridiche, per le esigenze delle Segreterie tecniche dell’Arbitro bancario finanziario, con sede a Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli, Bari e Palermo, e della struttura centrale di coordinamento.

- 10 Esperti con orientamento nelle discipline statistiche.

- 6 Esperti con orientamento nelle discipline economico-politiche.

La domanda deve essere presentata entro il termine perentorio delle ore 16 del 5 febbraio 2018 (ora italiana), utilizzando esclusivamente l’applicazione disponibile sul sito internet della Banca d’Italia all’indirizzo www.bancaditalia.it (sezione concorsi) seguendo le indicazioni. La Banca d’Italia, al fine di assicurare l’efficacia e la celerità della procedura selettiva, organizza test preselettivi per ciascuno dei concorsi per i quali sia pervenuto un numero di domande di partecipazione superiore alle 2.500 unità.

 

Redazione

SOCIETA’ – RYANAIR NON SARA’ POSSIBILE PORTARE A BORDO TROLLEY

Gennaio 2018

Scatta la rivoluzione per i bagagli da portare in stiva sugli aerei Ryanair. Da lunedì 15 gennaio sarà possibile portare a bordo due bagagli a mano se si acquista il pacchetto Premium, altrimenti sarà sempre possibile portare un piccolo bagaglio, come una borsetta o uno zaino, ma non il trolley che verrà registrato e sistemato nella stiva gratuitamente. L’avviso con le nuove regole per il bagaglio amano sono state pubblicate sul sito della compagnia low cost. Inoltre la borsa piccola deve rientrare nelle dimensioni di 35 x 20 x 20 cm e deve poter essere sistemata agevolmente sotto il sedile davanti al passeggero. Ai passeggeri che, invece, hanno acquistato i pacchetti Premium e i due bagagli a mano, Flexi Plus, Plus o Family Plus sarà consentito portare a bordo i due propri bagagli a mano, il trolley e la borsa con le misure consentite: il primo andrà nella cappelliera, il secondo sotto la poltrona davanti al passeggero. Previste anche sanzioni: la mancata osservanza di queste nuove regole comporterà il pagamento di una penale pari a 50 euro per articolo al gate di partenza «e - spiega la compagnia - potrebbe causare ritardi per tutti i passeggeri a bordo». Redazione

 

 

 

POLITICA - FONTANA: IL PROFILO PERFETTO NON È GRECO MA VARESOTTO

Gennaio 2018

Appena iniziata la campagna elettorale di Attilio Fontana e già il successo è straripante: la prima tappa al mercato di Cologno, ne è perfetta dimostrazione. C’è chi preferisce i salottini snob, ben lontani dalla realtà quotidiana, e chi invece ama stare tra le gente: differenze abissali.

Avvocato 65enne di grande successo, padre di famiglia con un CV politico e professionale da applausi, Fontana è il miglior candidato che il Centrodestra potesse sfoderare. Un top player da schierare subito titolare, per ipotecare una meritatissima vittoria. Metafora calcistica che ben si addice all’ex Sindaco varesotto:tifosissimo rossonero e “memoria storica” dell’Ignis Varese (squadra di basket di cui conosce a memoria le formazioni anni ’70). Eclettico, brillante, sempre educato ed affabile, Attilio Fontana mette d’accordo tutti. E, peraltro, con merito assoluto.

Tra i ruoli di spicco che ha rivestito, ricordiamo la carica di Presidente dell’Anci Lombardia, Presidente del Consiglio regionale lombardo e Vicepresidente della Fiera di Milano. Leghista della “prima ora”, sempre coerente e fedele al proprio credo politico, in vista del 4 marzo costituirà una sua lista civica. Debutto ufficiale in politica nel 1995, quando diventa Sindaco di Induno Olona. Per ben due mandati (nel 2006 e nel 2011), viene eletto e riconfermato primo cittadino di Varese, con un elevatissimo consenso. Tra i tratti caratterizzanti delle sue amministrazioni: bilanci sempre in ordine, tassazione sotto controllo, amministrazione morigerata e saggia. Le credenziali, ci sono davvero tutte.

Ma Attilio Fontana, oltre alle virtù umane e qualità politiche, è ben noto per essere stato fervido oppositore del referendum renziano nel 2016. Da sempre conservatore (nella sfera politica ed ideologica), non si è mai posto con fare ostruzionistico verso iniziative di altro colore politico: un virtuoso esempio da emulare pedissequamente. Nel 2009 giunge un altro prestigioso incarico: viene nominato Vicepresidente della Fiera di Milano.

Lo scorso 11 gennaio, presso il Palazzo delle Stelline, in una sala gremita ed entusiasta, è stata ufficializzata la sua candidatura e presentato lo slogan “cavallo di battaglia”: “Al lavoro ! Più Lombardia”. Il programma è in continua crescita, ma chiari sono i punti cardine dai quali partire: dare continuità all’ottimo operato di Maroni, proseguire nell’iter autonomista decretato dalle urne dello scorso ottobre. L’autonomia è una straordinaria opportunità per usufruire di più risorse, da declinare in base alle singole esigenze di ogni realtà regionale.

Quanto all’altro candidato, il borioso Gori ancora “gongolante” per la rinuncia di Maroni alla ricandidatura, auspica di insediarsi in Regione per “fare di più e meglio”: certamente (programma alla mano), non per i lombardi. “Che la speranza di Giorgio Gori rimanga tale, cioè un sogno dal quale spero abbia un risveglio violento”, ha dichiarato l’ex sindaco di Varese. Speriamo anche noi: che le sue parole, si rivelino profetiche. La Lombardia e noi lombardi, innamorati della nostra regione, voteremo il 4 marzo per Attilio Fontana #Presidente. Sarà una campagna elettorale intensa ed impegnata ma, come diceva Lao Tzu: “Anche un viaggio di mille miglia, comincia con un passo”.

Fontana ed i Suoi, sono già in cammino: verso una Lombardia ancora più bella, ancora più forte, ancora migliore. Chiara Soldani

 

EVENTI - PRESENTATA LA MILANO CITY MARATHON 2018

Gennaio 2018

La 18sima edizione, presentata a Palazzo Marino, cercherà ancora una volta di sorprendere partecipanti, partner e pubblico con le sue novità. Lo scorso anno la manifestazione sportiva ha visto un sensibile aumento del numero degli iscritti, fino a sfiorare i 25mila partecipanti complessivi, con un aumento del 43% sui finishers della maratona. Il percorso di Milano Marathon, completamente ridisegnato. Vai al nostro speciale. e rifinito con modifiche mirate anno dopo anno, è sicuramente uno dei punti di forza che lo scorso anno l’ha resa la maratona più veloce d’Italia. Il tracciato, con partenza e arrivo nel centro di Milano, attraversa sia i quartieri del centro storico sia quelli della città contemporanea, e risulta scorrevole grazie a lunghi tratti rettilinei e a un dislivello complessivo davvero ridotto. Inoltre si stanno definendo soluzioni migliorative, in accordo con Comune e ATM, sul fronte della logistica, che consentiranno flussi più lineari, soprattutto per i chilometri iniziali del percorso, in modo da renderli più larghi e scorrevoli, e quindi adatti a consentire il passaggio di un maggior numero di runner senza creare rallentamenti. Redazione

POLITICA – IL CENTRODESTRA CORRERA’ UNITO, ECCO IL PATTO

Gennaio 2018

Ecco la foto tanto attesa: il centrodestra correrà unito, con uno schema a quattro punte. È questo il risultato del vertice durato più di 4 ore tra Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, che si sono incontrati ad Arcore per dar vita al polo del centrodestra. È stata infatti ufficializzata "la composizione della coalizione a quattro con Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e quarto Polo". Il programma, però, resta da definire nel dettaglio. Si apprende che "due delegazioni comuni si incontreranno già martedì prossimo" per mettere a punto il progetto e lavorare sui collegi elettorali. Salvini, inoltre, ha insistito affinché tra i punti principali del programma ci sia l'annullamento della legge Fornero.Del programma, comunque, emergono le linee guida, che accolgono molte istanze avanzate da Berlusconi: "Meno tasse, meno burocrazia, meno vincoli dall'Europa, più aiuti a chi ha bisogno, più sicurezza per tutti, riforma della giustizia e giusto processo, revisione del sistema pensionistico cancellando gli effetti deleteri della legge Fornero, realizzazione della flat tax, difesa delle aziende italiane e del Made in Italy, imponente piano di sostegno alla natalità, controllo dell'immigrazione". Questi i punti cardine dell'accordo della coalizione che, il prossimo 4 marzo, si presenterà unito alle urne. Tra le altre priorità, l'adeguamento delle pensioni minime a mille euro, il codice di difesa dei diritti delle donne e la revisione del sistema istituzionale col principio del federalismo e del presidenzialismo.

Redazione

 

CIBO - Digiuno intermittente: come farlo e come aiuta a dimagrire

Gennaio 2018

Quando vogliamo perdere qualche chilo di troppo, abbiamo una scelta di diete da seguire così vasta che spesso ci dimentichiamo di capire come funziona realmente una dieta e quali sono i rischi e i benefici che apporta. Una delle ultime tendenze nel mondo della nutrizione è il digiuno intermittente, molto popolare tra gli atleti e ritenuta da molti uno dei metodi più efficaci per perdere peso. Abbiamo deciso di approfondire l’argomento e di condividere con voi quello che abbiamo scoperto.

Come suggerito dal nome stesso, il digiuno intermittente è un modello che alterna dei periodi in cui si mangia a dei periodi in cui si fa digiuno. Non si tratta quindi di una vera e propria dieta, ma di un programma alimentare che più che suggerirti cosa, ti dice quando mangiare.

Ci sono diversi metodi di digiuno intermittente e i più popolari sono:

•Schema 16/8: anche conosciuto come il metodo leangains. Questo schema suddivide la giornata in due parti: 8 ore in cui si mangia e 16 di digiuno. Si può considerare come un prolungamento del digiuno che si fa automaticamente quando si dorme, saltando la colazione e consumando il primo pasto a mezzogiorno per poi mangiare fino alle 8.00 di sera.

•A giorni alterni (5:2): l’idea di questo modello è che per due giorni a settimana si riduce l’apporto calorico a un massimo di 500/600 calorie. I giorni non devono essere consecutivi e negli altri giorni si può mangiare quello che si vuole.

•Eat Stop Eat: secondo questo modello si mangia un giorno sì e uno no, per una o due volte alla settimana.

In tutti i tipi di di modelli si possono bere bevande ipocaloriche.

Anche l’equilibrio ormonale cambia

Redazione

 

ELEZIONI - SI VOTERA' IL 4 MARZO

Gennaio 2018

Il Consiglio dei ministri ha fissato la data delle prossime elezioni politiche nazionali il 4 marzo 2018, con successiva prima convocazione dei due rami del Parlamento il 23 marzo.

Il Cdm si è riunito nella seduta del 28 dicembre dopo la firma del decreto di scioglimento delle Camere da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che successivamente alle deliberazioni del Consiglio ha ricevuto al Quirinale il presidente del Cdm Paolo Gentiloni e il ministro dell'Interno Marco Minniti per firmare i relativi decreti di convocazione dei comizi elettorali per le elezioni del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati per il 4 marzo 2018, e di determinazione della data della prima riunione delle nuove Camere.

Mattarella ha contestualmente firmato i decreti che determinano l'assegnazione del numero dei seggi spettanti per le elezioni per la Camera e per il Senato, in applicazione del decreto legislativo 12 dicembre 2017, n. 189 ("Determinazione dei collegi elettorali della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, in attuazione dell'articolo 3 della legge 3 novembre 2017, n. 165")..Redazione

 

CALCIO - SORTEGGI EUROPA LEAGUE, ECCO I SEDICESIMI

12.12.2017

I bergamaschi se la vedranno con un osso duro, Sarri evita Atletico e Arsenal, sorteggio favorevole per i rossoneri ed Inzaghi

A Nyon si è svolto il sorteggio dei sedicesimi di Europa League con quattro italiane in gara. Atalanta, Lazio e Milan erano teste di serie, dopo aver passato il turno come prime del proprio girone, mentre il Napoli no, in quanto "retrocessa" dalla Champions League.

le due urne — Teste di serie: MILAN, LAZIO, ATALANTA, Villarreal, Arsenal, Salisburgo, Cska Mosca, Atletico Madrid, Lipsia, Sporting Lisbona, Lokomotiv Mosca, Braga, Viktoria Plzen, Athletic Bilbao, Salisburgo, Zenit.

Non teste di serie: Nizza, Celtic, Borussia Dortmund, Spartak Mosca, Aek Atene, Ludogorets, Copenaghen, Astana, Lione, Steaua, Marsiglia, Ostersund, Real Sociedad, Stella Rossa, Partizan.

Le avversarie delle italiane — Il Napoli sfiderà il Lipsia.

L'Atalanta affronterà il Borussia Dortmund. La Lazio se la vedrà con la Steaua ed il Milan incontrerà il Ludogorets. A Lione la finale il 16 maggio.

Ecco tutti gli accoppiamenti:

Borussia Dortmund -ATALANTA

Nizza-Lokomotiv Mosca

Copenaghen-Atletico Madrid

Spartak Mosca-Athletic Bilbao

Aek Atene-Dinamo Kiev

Celtic-Zenit S. Pietroburgo

NAPOLI-Lipsia

Stella Rossa-Cska Mosca

Lione - Villarreal

Real Sociedad-Salisburgo

Partizan Belgrado-Viktoria Plzen

Steaua Bucarest-LAZIO

Ludogorets-MILAN

Astana-Sporting Lisbona

Ostersund-Arsenal

Marsiglia-Braga (Por)

 

 

Redazione

 

Pubblicita e affiliazione per micro-sponsorizzazione

Copyright 2018© All Rights Reserved