Festival di Sanremo 2019

         Comunicati Stampa

Festival di Sanremo 2019

Milan4News

Sanremo 2019: Tutto su i 26 cantanti del festival


5/9 Febbraio 2019

loading...


Siete appassionati del Festival di Sanremo? Allora non potete perdervi tutte le anticipazioni e le news aggiornate sull’edizione 2019 di Claudio Baglioni

 




Anche se il sipario su Sanremo 2019 si aprirà ufficialmente il prossimo 5 febbraio, quando il conduttore e direttore artistico del Festival, Claudio Baglioni, inaugurerà sul palco del Teatro Ariston la 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana, la macchina sanremese si è già messa in moto. E mentre i cantanti sono impegnati con le prime prove insieme all'orchestra, al Teatro del Casinò sono stati svelati oggi,  durante la conferenza stampa di presentazione, i nomi dei conduttori che affiancheranno Baglioni e quelli dei primi ospiti.


Accanto al "dirottatore artistico" - così come si è auto-ribattezzato - Claudio Baglioni, saliranno sul palco dell'Ariston in veste di conduttori del Festival di Sanremo 2019 anche Claudio Bisio e Virginia Raffaele (i cui nomi erano circolati in rete e sui giornali già negli scorsi giorni). Per la comica romana si tratta della seconda partecipazione al Festival come co-conduttrice, dopo l'esperienza del 2016 accanto a Carlo Conti, Gabriel Garko e Madalina Ghenea.


"La centralità della musica e delle parole": così il cantautore romano ha sintetizzato lo spirito del suo secondo Festival di Sanremo come direttore artistico. "Lo ripeto ancora una volta: le canzoni sono un'arte povera, ma riescono a creare una memoria, un richiamo evocativo immediato. Sono come delle stelle fisse, delle pietre dure, dei profumi", ha subito aggiunto Baglioni, "la stella polare è la canzone in quanto espressione diretta". La 69esima edizione del Festival, ha spoegato il direttore artistico, non si discosterà molto dalla precedente, a livello di spirito: "L'anno scorso abbiamo riportato, ho riportato, il Festival in quella sua centralità, cercando di costruire intorno alla gara uno spettacolo che fosse anche narrativo rispetto alle canzoni prodotte. Alcune conquiste si sono rivelate buone - la non eliminazione, alcuni riti cruenti e il fatto di poggiare su una considerazione: il Festival di Sanremo non è mai stato una trasmissione televisiva, ma un evento trasmesso e che diventa anche bandiera della televisione: deve avere un carattere di eccezionalità e di sorpresa perché si rivolge ad un pubblico desideroso di vedere cose nuove".


Se quella dello scorso anno, la 68esima, è stata l'edizione dell'"immaginazione al Festival", come ha detto Baglioni rispolverando e riadattando un vecchio slogan politico, la 69esima sarà l'edizione dell'armonia: "Il numero 69 ha richiamato l'idea della simmetricità, del sincronismo", ha osservato il cantautore, "io cerco sempre significati per fare le mie scelte. L'anno scorso l'immaginazione, quest'anno l'armonia. Intesa come percorso per sposare elementi opposti, anche molto lontani: il 69 richiama anche moltissimo il simbolo dello yin e dello yang. Lo schema è quello dell'avvicinamento degli opposti, che non sempre si verifica. Significa anche la bellezza della diversità".


Diversità è anche la parola più azzeccata per descrivere il cast dei cantanti in gara, tra tradizione e aperture al presente: dai sanremesi classici al rock, passando per il post-indie e il rap. "La scelta", ha spiegato Baglioni, "è caduta su 22 proposte musicali che cercano di raccontare il paese musicale per quello che è, anche prevedendo quello che potrebbe succede tra poco. Cerchiamo di creare una locomotiva e di fare in modo che Sanremo sia un proponende di musica, il modo per annunciare quello che pensiamo si ascolti in questi giorni e che si ascolterà negli immediati prossimi". Ai 22 "big" scelti dalla commissione artistica, lo ricordiamo, si sono aggiunti i due vincitori del concorso Sanremo Giovani, Einar e Mahmood. In totale, dunque, i cantanti in gara saranno 24, raccolti nella categoria unica dei "Campioni" dopo l'abolizione delle "Nuove Proposte" (almeno per questa edizione).


L'edizione 2019, ha lasciato intendere Baglioni, potrebbe essere l'ultima per la quale vestirà i panni di conduttore e direttore artistico: "L'intenzione sarebbe questa: continuare la strada dell'anno passato, cercare di finire con un po' di renso di responsabilità".