Qui Inter

Milan4News

Qui Inter

Tutte le news e le novità sull' Inter sulla stagione 2016-17

 

 

Segui qui in diretta tutte le partite dell'F.C Internazionale.

 

 

NEXT MATCH:

Data:

Stadio:

 

Segui live la partita dell'Inter su Milan4News

 

 

Inter news

 

Il Football Club Internazionale Milano S.p.A., nota come Inter, al di fuori dell'Italia anche come Inter Milan, è una società calcistica per azioni italiana con sede a Milano

 

Allenatore: Frank De Boer

Fondazione: 9 marzo 1908

Campo/stadio: Stadio Giuseppe Meazza

Presidente: Erik Thoir

CEO: Bolingbroke

Fondatori: De Olma, Carlo Ardussi, Arturo Hintermann.

Mauro Emanuel Icardi Rivero è un calciatore argentino, attaccante dell'Inter, di cui è il capitano.

 

È soprannominato El niño del partido.

 

 

 

Vai all' articolo...

 

 

 

CALCIO - DERBY DI MILANO: LE STATISTICHE

11.04.2017

Le statistiche sui precedenti vedono l’Inter sopra il Milan con 77 vittorie contro 74, mentre i pareggi sono 64; una situazione molto equilibrata, non c’è che dire. Però se andiamo con la lente d’ingrandimento, vedremo che fuori dal campionato il Milan ha vinto di più, non solo con le statistiche (zero sconfitte in Champions e 9 vittorie contro le 7 dell’Inter in Coppa Italia), ma anche in fatto di trofei: basti pensare alle finali vinte contro i rivali in Coppa Italia e in Supercoppa e i risultati positivi in Champions che le hanno permesso non solo di eliminare l’Inter, ma di farli passare avanti e vincere la Champions del 2003. Se proprio poi di Europa vogliamo parlare, il Milan è forte anche del numero maggiore di Champions nei confronti dell’Inter (7 contro le 3 dell’Inter). Tra i primatisti in presenze nei derby, figurano Paolo Maldini per il Milan con 56 presenze e Javier Zanetti dell’Inter con 47.

Il derby che ha visto il maggior numero di gol è stato quello del 6 novembre del 1949, che ha visto imporsi L’Inter con 6-5.

La vittoria con maggior scarto è stata quella del derby vinto dal Milan per 6-0 nella stagione 2000-2001.

Josè Altafini è il marcatore con più gol in un derby: segnò una quaterna nel match del 27 marzo 1960, che finì 5-3 per i rossoneri.

I cannonieri che detengono il record di maggior numero di gol segnati nel derby sono Andriy Shevchenko per il Milan (14 gol) e Giuseppe Meazza per l’Inter (12); da segnalare un gol nel derby eseguito con la casacca rossonera.

Simone Novara

 

CALCIO– LA PARTITA DELLA SETTIMANA - Inter Vs Empoli– La cronaca

14.02.2017

In casa Inter c’è grande voglia di riscatto. Stefano Pioli, dopo la sconfitta subita allo Juventus Stadium schiera un 3-4-1-2 con Handanovic; Murillo, Medel, Miranda; Candreva, Gagliardini, Kondogbia, D’Ambrosio (46′ Ansaldi); Joao Mario; Eder (80′ Pinamonti), Palacio (73′ Gabigol). L’Empoli a San Siro risponde con un 4-3-1-2, in campo: Skorupski; Veseli, Laurini, Cosic, Dimarco (65′ Barba); Krunic (75′ Zajc), Diousse, Croce; El Kaddouri (82′ Tello); Pucciarelli, Maccarone. Inter con la coperta decisamente corta. Contro i toscani Pioli non può contare su Icardi e Perisic, squalificati, e sugli infortunati Brozovic e Banega. In campo quindi ci si affida ad Eder e Palacio in attacco, torna titolare Kondogbia, confermato Medel in difesa. Tandem Maccarone-Pucciarelli in attacco, El Kaddouri trequartista, per l’Empoli. Diousse in regia, Croce e Krunic interni. Laurini e Dimarco i terzini. Parte subito forte l’Inter. SKORUPSKI! Miracolosa parata del portiere dell'Empoli che toglie dall'incrocio dei pali il colpo di testa preciso di Palacio! Cross di Candreva, sul lato opposto in area ci prova D'Ambrosio ma il suo tiro è respinto dalla difesa ospite. Cross di Candreva dalla destra, Palacio prolunga di testa per Eder che, di petto, sigla il gol del vantaggio nerazzurro. CANDREVA! Ci prova l'ex Lazio con una conclusione al volo da posizione defilata su cross di Eder: palla in tribuna. Dimarco prova lo scavetto per Pucciarelli che prende di sorpresa la difesa nerazzurra: Handanovic in uscita blocca la sfera. Contropiede dell'Inter: Candreva effettua il cross che, però, è intercettato da Cosic e non arriva sulla testa di Palacio. GAGLIARDINI! Altra occasione per l'ex Atalanta: sul cross di Eder la conclusione del centrocampista non è precisa e finisce fuori. HANDANOVIC! Krunic a tu per tu con il portiere dell'Inter si lascia ipnotizzare e la sua conclusione vine respinta dalla manona dello sloveno. Maccarone spara alto sulla respinta. Eder lascia partire un cross sontuoso che raggiunge l'ex Lazio sul secondo palo. Al volo il numero 87 fredda Skorupski e fa 2-0 Inter! L'Inter di Pioli è avanti di 2 gol ma l'Empoli non molla e quando riparte fa paura alla retroguardia nerazzurra. ZAJC! L'esterno dell'Empoli ci prova con una conclusione dalla distanza da posizione defilata: palla che passa lontana dalla porta di Handanovic. GAGLIARDINI! Inter ancora pericolosa con il centrocampista numero 5, ma il portiere dell'Empoli è bravo a neutralizzare. Eder e Candreva portano così l’Inter in trionfo. Un dato importante: l’esordio nelle file nerazzure di Pinamonti, che al 35esimo del secondo tempo ha sostituito Eder. Migliore in campo senza dubbio Candreva, superlativo in mezzo al campo. Il peggiore Miranda, che non è riuscito ad entrare in partita.

 

 

LE INTERVISTE DEL POST GARA

 

L’Inter di Stefano Pioli è in uno stato di grazia, l’Europa ora diventa una ambizione concreta. ««Chiaro che dobbiamo cercare di motivarci e rimanere attaccati alle nostre ambizioni. Abbiamo messo grande ritmo in campo, contro un avversario non facile, potevamo concedere meno, ma sono contento. Quadri motivazionali? Tutte le settimane cerchiamo di avere obiettivi e spunti per rendere il nostro lavoro più stimolante, positivo, sappiamo che lavoro dobbiamo fare, dobbiamo dare il massimo da qui alla fine, dando il massimo potremmo essere una squadra competitiva»». Inoltre mister Pioli parla della performance di Roberto Gagliardini, l’acquisto nerazzurro di questo mercato invernale di riparazione: ««Certamente può diventare un leader, ha tutte le potenzialità per diventare un centrocampista perfetto. Si è inserito nel nostro gruppo nel migliore dei modi, con semplicità ed estrema umiltà»». Il terzo posto per agganciare la Champions sembra un obiettivo realistico visto il grande gioco dell’Inter nell’ultimo periodo. ««La quota per il terzo posto resta altissima, Roma e Napoli stanno correndo, ovviamente dobbiamo correre anche noi. Dobbiamo cercare di trovare sempre le giuste motivazioni e restare così attaccati alle nostre ambizioni»».

 

LE PAGELLE

 

INTER: Handanovic 6; Murillo 6, Medel 6, Miranda 5; Candreva 8, Gagliardini 7.5, Kondogbia 6, D’Ambrosio 6 (46′ Ansaldi 5.5); Joao Mario 6; Eder 7 (80′ Pinamonti s.v.), Palacio 6.5 (73′ Gabigol s.v.). Allenatore: Pioli 7.

EMPOLI: Skorupski 6; Veseli 5, Laurini 6, Cosic 4, Dimarco 5 (65′ Barba 6); Krunic 5 (75′ Zajc s.v.), Diousse 5, Croce 6; El Kaddouri 6 (82′ Tello s.v.); Pucciarelli 6, Maccarone 5. Allenatore: Martusciello 5

 

 

A cura di Simone Novara

 

 

Copyright © All Rights Reserved